Thumbnail
Country
South Africa
Ocean
Indian
Coordinates
-27.551321, 32.682649
Dates

Gombessa I

Le spedizioni scientifiche Gombessa puntano a indagare un fenomeno specifico che si verifica sott'acqua in tutto il mondo. La scelta della missione è innanzitutto guidata da un obiettivo naturalistico ed è generalmente legata a tre sfide principali.

- Alla base della spedizione vi è senza dubbio un enigma di tipo scientifico.
- La seconda sfida dei progetti Gombessa è rappresentata dalle immersioni, dal momento che Laurent Ballesta, l'organizzatore di queste spedizioni, pratica da molto tempo immersioni con rebreather a circuito chiuso.
- La terza sfida è invece legata alle immagini, poiché l'obiettivo è quello di realizzare foto e video unici del fenomeno analizzato.
- Gli studiosi che prendono parte al progetto sono infatti specialisti del settore, esperti sommozzatori, nonché cameraman subacquei di enorme talento.

Il celacanto occupa un posto unico nella storia della vita: è il solo sopravvissuto di una famiglia che si è estinta allo stesso tempo dei dinosauri, porta le tracce di come i primi vertebrati terrestri a quattro zampe si sono evoluti dai pesci e le sue pinne peduncolate e i suoi polmoni primitivi sono la prova vivente dell’inizio della vita sulla terra. Da quasi un secolo, questo pesce gigantesco è oggetto di un acceso dibattito tra scienziati e creazionisti. Rappresenta la più grande scoperta zoologica del XX secolo, testimonianza unica nella storia dell’evoluzione, quando, 370 milioni di anni fa, gli animali si avventurarono fuori dall'acqua.

Dopo l’incontro nel 2010, sembrava evidente organizzare una spedizione scientifica per studiare il pesce sott’acqua - etologia, genetica, anatomia, ecc. - e acquisire conoscenze al riguardo. Sono stati mobilitati genetisti, paleontologi e biologi del Museo Nazionale Francese di Storia Naturale affiliato al CNRS, il Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica, L’Istituto Nazionale Sud Africano per la Biodiversità e L’Istituto Nazionale Sud Africano per la Biodiversità Acquatica, tutti riuniti da Laurent Ballesta per questa missione completata nel 2013.
Thumbnail

La missione poneva tre sfide convergenti:

  • la prima per i sub che dovevano raggiungere profondità estreme e lavorare in un ambiente marino ostile,
  • una sfida scientifica volta a migliorare la conoscenza di una specie di importanza capitale nella storia zoologica,
  • infine, una terza sfida legata alla comunicazione, che consisteva nell’offrire immagini finora inedite di una creatura leggendaria e raccontare la storia di questa avventura.

La spedizione scientifica mirava a studiare un animale straordinario che un tempo si pensava estinto da 65 milioni di anni: il celacanto, <i>Latimeria chalumnae</i>. La principale difficoltà della missione era che “Gombessa”, come viene chiamato in Sudafrica dove è stato riscoperto nel 1938, vive a 130 m di profondità e andava studiato nel suo habitat. Ciò rappresentava un’enorme sfida per le immersioni, data dalla necessità di realizzare protocolli a profondità estreme dove ogni singolo minuto è contato.

Discover the Gallery

Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Gombessa I Expedition Blancpain Ocean Commitment
Back to top